La “constatazione” di decesso. Storia presunta e non-fondamento legislativo di una leggenda metropolitana.

27 Ago

La “constatazione del decesso” è stata in questi anni frequente motivo d’invio di mezzi medicalizzati (automedica o ambulanza medicalizzata) da parte della CO 118. 

La più o meno fondata convinzione che la diagnosi ed il successivo accertamento della morte è  prerogativa della sola professione medica ha spesso giustificato l’utilizzo in emergenza territoriale di tale figura professionale per “constatare” la morte anche di quei pazienti in cui, per vari motivi clinici ed etici, non esisteva alcuna indicazione alla  rianimazione cardiopolmonare

Facciamo chiarezza esaminando i riferimenti di legge disponibili.

L’accertamento di morte e’ prerogativa della professione medica

Il fondamento legislativo dell’accertamento di morte risale al Testo Unico delle Leggi Sanitarie (TULS) approvato con Regio Decreto nel 1934 che all’articolo 103 tra le prerogative delle professioni sanitari recita che “Gli esercenti la professione di medico-chirurgo, oltre a quanto e’ prescritto da altre disposizioni di legge, sono obbligati a denunziare al podestà le cause di morte entro ventiquattro ore dall’accertamento del decesso.”

In esso sia pur indirettamente la figura medica veniva individuata come unica responsabile dell’accertamento e della comunicazione della morte alle autorità.

In epoca più recente la legge n. 578 del 29 dicembre 1993 “Norme per l’accertamento e la certificazione di morte”all’articolo 1 comma 1 stabilisce che “La morte si identifica con la cessazione irreversibile di  tutte le funzioni dell’encefalo.

La morte dell’ encefalo a tutti i suoi livelli infatti determina l’irreversibile disgregazione funzionale del classico “tripode vitale di Bichat”, che consiste nella contemporanea presenza della funzionalità respiratoria, cardiocircolatoria e del sistema nervoso centrale.

La medesima legge infatti all’articolo 2 comma 1 chiarisce cheLa  morte  per  arresto  cardiaco si intende avvenuta quando la respirazione e la circolazione sono  cessate  per  un  intervallo  di tempo  tale  da  comportare  la  perdita  irreversibile  di  tutte le funzioni dell’encefalo e puo’ essere accertata con le modalita’ definite con decreto emanato dal Ministro della sanita’.

Per le modalità di accertamento si rimanda quindi al decreto n. 582 del 22 agosto 1994, “Regolamento recante le modalita’ per l’accertamento e la certificazione di morte.”  che all’articolo 1 comma 1 stabilisce:  “In conformita’ all’art. 2, comma  1,  della  legge  29  dicembre 1993,  n.  578,  l’accertamento della morte per arresto cardiaco puo’ essere effettuato da  un  medico  con  il  rilievo  grafico  continuo dell’elettrocardiogramma protratto per non meno di 20 minuti primi.

Ma allora cos’e’ la “constatazione di decesso”? 

In effetti tale termine non ha alcun riferimento nel complesso legislativo che regola l’accertamento e la certificazione della morte e  non compare in nessuna parte dei regolamenti di polizia mortuaria. E’ quindi un termine derivato dalla consuetudine operativa, si confonde con la diagnosi e l’accertamento di morte ed è stato alimentato dalla trasmissione aneddotica/orale con sporadico riscontro nei  regolamenti locali. 

Ma per capire che un paziente e’ in arresto cardiaco serve un medico?

Sulla “diagnosi” di arresto cardiaco il BLS e la comune pratica ci hanno da anni insegnato che essa è clinica e non strumentale e può essere effettuata anche da personale laico addestrato e non addestrato sia pure se guidato anche in modo remoto da un professionista sanitario. Questo estendere una “diagnosi” a personale non sanitario ha contribuito in modo fondamentale ai progressi in termini di sopravvivenza nei pazienti colpiti da morte improvvisa  diffondendo la cultura e delle rcp di base e della defibrillazione precoce.

Abbiamo quindi oramai universalmente stabilito che i laici possono  individuare la presenza di criteri clinici di arresto cardiaco tanto che essi sono autorizzati ad effettuare un massaggio cardiaco ed utilizzare un defibrillatore. 

L’arresto cardiaco nei pazienti in cui non e’ indicata la RCP

A maggior ragione tale “diagnosi” può essere effettuata da familiari o astanti in pazienti a fine vita, affetti da patologie in fase terminale  in cui sono esauriti i margini terapeutici ed in cui l’assistenza e la cura non sono oramai un’emergenza.

Riassumiamo

L’accertamento della morte non è una procedura d’emergenza-urgenza e può essere effettuata da un medico (in genere il necroscopo) mediante il rilievo per 20 minuti in continuo delle’ECG.

Nel complesso delle norme non viene mai nominata la “constatazione del decesso” essa è spesso utilizzata come sinonimo fuorviante di accertamento di morte o dichiarazione di arresto cardiaco/morte.

L’arresto cardiaco è un riscontro clinico e può essere fatta da chiunque se addestrato o sotto guida dell’infermiere di centrale.

C’è una categoria di pazienti per i quali esistono clinicamente (assenza di prospettive di buon outcome per la presenza di patologie croniche in fase terminale o neoplasie senza margine ulteriore di trattamento) ed eticamente (fine vita, dichiarate o manifeste disposizioni anticipate di trattamento) delle chiare controindicazioni alla pratica di manovre rianimatorie.

Sistema 118, diagnosi ed accertamento di morte

Il sottile limite concettuale e temporale tra le urgenti manovre di rianimazione cardiopolmonare e l’accertamento della morte ha portato in questi anni a confondere il ruolo del medico del 118 con quello del certificatore della morte.

Ma viste le premesse ed in un’ottica di ottimizzazione e razionalizzazione dell’utilizzo delle risorse dell’emergenza preospedaliera non ha senso né clinico né organizzativo inviare il medico a fare diagnosi di morte ed accertare e certificare il decesso in paziente in cui è chiaramente controindicata la RCP.

In un’ottica attuale e limitatamente ai casi in cui non sono indicate le manovre rianimatorie, il compito della certificazione della morte dovrebbe essere affidato ad altre figure professionali come il MMG, il medico di continuità assistenziale o il medico necroscopo.

In pratica in caso di chiamata per arresto cardiaco in cui appaia chiara la futilità delle manovre rianimatorie si dovrebbero attivare, da parte della CO 118, risorse mediche alternative e non urgenti per procedere alla certificazione della morte. 

4 Risposte a “La “constatazione” di decesso. Storia presunta e non-fondamento legislativo di una leggenda metropolitana.”

  1. DC 1 settembre 2020 a 7:57 AM #

    Vero che il sistema 118 subisce, quasi con cadenza giornaliera, abusi d’uso su pratiche non del tutto istituzionali, che potrebbero essere poste in essere da altre figure (senza nasconderci dietro al classico dito , già in tempi non COVID, qualunque OT di CO sa quanto fosse impresa improba stanare MMG o di CA per ottemperare ANCHE a loro compiti istituzionali), va anche detto che la grande eterogeneità del sistema su base regionale pone in essere non pochi problemi.
    Se a questo aggiungiamo il fatto che, l’operatore di CO (tecnico e/o sanitario), è già gravato di innumerevoli problemi medico legali MAI sanati da una normativa specifica, diventa davvero ostico gestire una chiamata per ACC da parenti su, es., il pz terminale oramai domiciliato. Siamo davvero sicuri che a posteriori non salti fuori il parente X che fa causa per mancato invio? Già oggi la gestione domiciliare degli ACC su questi pazienti è problematica quando ci si trova nel mezzo di diatribe famigliari tra chi declina il trasporto e chi insiste con minacce più o meno velate.
    Sono concorde con il finale, ma il dubbio resta pesante:
    -quale operatore di CO si accolla la responsabilità del non invio per dichiarazione di terzo non riconoscibile sullo stato di salute del pz e sulla sua condizione? (quante volte usciti in rosso ci siamo trovati il pz valigiato sulla porta di casa pronto a zompare sul mezzo al grido di “dai su andiamo”…e quante volte arrivati in verde si è dovuto riportare al piano tutto l’occorrente per una RCP?)
    -allo stato dell’arte che figure mediche alternative?MMG e CA nel serale/we? siamo poi così sicuri che non sia lo stesso MMG una volta arrivato a richiedere comunque il mezzo perchè poi non era in ACC? o richiederlo ugualmente anche in presenza di exitus?
    Resto sempre convinto che il mondo 118 italiano viva in un limbo legislativo e sopratutto che faccia molto comodo lasciarlo così, pena il dover davvero poi iniziare a tappare quei buchi che oggi il 118 tappa modello “figlio della serva”.

    • medest118 1 settembre 2020 a 12:39 PM #

      Intanto grazie per il commento centratissimo ed evidentemente scritto da chi conosce a fondo le problematiche 118. Condivido i tuoi stessi dubbi e perlomeno in ambito Toscana Centro stiamo provando con tutte le forze a riassegnare, specie in epoca COVID, spazi impropriamente assegnati al medico di medicina d’urgenza territoriale e non solo (pensa agli accesi impropri in PS da strutture residenziali per cui noi paghiamo come cittadini conti salatissimi). Entro nel merito delle tue ripeto orientatissime ed attuali considerazioni.
      – al tuo primo quesito rispondo che il ruolo del medico di centrale in questi anni ha perso centralità nel processo di lavoro della CO stessa. Esso dovrebbe essere supervisore e garante del processo di dispatch ed assegnazione risorse ed intervenire ove tale processo necessità di expertise e livelli di responsabilità diversi dal tecnico o dall’infermiere. Questo potrebbe essere uno di questi casi in cui il rapporto con familiari o figure professionali esterne riveste un ruolo prioritario rispetto all’assotenza ed alla cura.
      – la gestione della medicina generale e della CA è di competenza aziendale ed ogni difformità dalle competenze specifiche deve essere segnalata discussa e risolta dai referenti. Fino a quando questo percorso non viene intrapreso in modo sistematico e puntuale la metà sarà sempre più lontana.

      Noi ci stiamo provando.
      Mario Rugna

      • DC 1 settembre 2020 a 12:47 PM #

        Grazie per la risposta.
        Io oramai credo che il SIS118 sia un mondo a parte che fa comodo, politicamente, che resti tale.
        Non che gli attori che lo popolano poi si straccino le vesti di questo eh! Perchè poi le verità, scomode, vanno anche dette.
        AL netto di chi mi dice di rappresentare una realtà univoca (rido ogni volta!) il SIS 118 meriterebbe per me lo scorporo dalla revisione del Titolo V per rientrare di default in ottica nazionale.
        Ma queste sono speranze oramai che reputo vane.
        Tant’è , onore a chi ancora ci crede e ci prova anche solo regionalmente.

      • medest118 1 settembre 2020 a 4:46 PM #

        Purtroppo regionalismi e narcisismi hanno sancito oramai ufficialmente quello che tu lucidamente descrivi. I medici di medicina d’urgenza non hanno rappresentanza culturale ed organizzativa. SIS 118, SIEMS, SIMEU si contendono un ruolo di egemonia ed univocità di qualcosa che oramai non esiste da anni. Io credo che solo la libera circolazione delle idee tra professionisti dell’emergenza può creare una coscenza comune sulle pratiche cliniche prima e sull’organizzazione del sistema poi. L’uniformita’ deve insomma passare dal basso. Proviamoci.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

ALL Ohio EM

Supporting ALL Ohio EM Residencies in the #FOAMed World

Triggerlab

Let's try to make it simple

thinking critical care

a blog for thinking docs: blending good evidence, physiology, common sense, and applying it at the bedside!

urgentcareultrasound

More definitive diagnosis, better patient care

Critical Care Northampton

Reviewing Critical Care, Journals and FOAMed

OHCA research

Prehospital critical care for out-of-hospital cardiac arrest

SonoStuff

Education and entertainment for the ultrasound enthusiast

phemcast

A UK PREHOSPITAL PODCAST

First10EM

Emergency medicine - When minutes matter...

Songs or Stories

Sharing the Science and Art of Paediatric Anaesthesia

airwayNautics

"Live as if you will die tomorrow; Learn as if you will live forever"

resusNautics

Navigating resuscitation

Life in the Fast Lane • LITFL • Medical Blog

Emergency medicine and critical care medical education blog

emDOCs.net - Emergency Medicine Education

Our goal is to inform the global EM community with timely and high yield content about what providers like YOU are seeing and doing everyday in your local ED.

The Collective

A Hive Mind for Prehospital and Retrieval Med

Dave on Airways

Thoughts and opinions on airways and resuscitation science

FOAMcast

A Free Open Access Medical Education Emergency Medicine Core Content Mash Up

Broome Docs

Rural Generalist Doctors Education

St.Emlyn's

Emergency Medicine #FOAMed

"CardioOnline"Basic and Advanced Cardiovascular medicine" Cariology" concepts and Review -Dr.Nabil Paktin,MD.FACC.دکتـور نبــــیل "پاکطــــین

این سایت را به آن دکتوران و محصلین طب که شب و روز برای رفاه نوع انسان فداکاری می کنند ، جوانی و لذایذ زندگی را بدون چشمداشت به امتیاز و نفرین و آفرین قربان خدمت به بشر می کنند و بار سنگین خدمت و اصلاح را بدوش می کشند ، اهداء می کنم This site is dedicated to all Doctors and students that aver the great responsibility of People’s well-being upon their shoulders and carry on their onerous task with utmost dedication and Devotionاولین سایت و ژورنال انتــرنتی علـــمی ،تخـصصی ، پــژوهشــی و آمــوزشــی طبـــی در افغــانســـتان

EmergencyPedia

Free Open Access Medical Education

Little Medic

Learning everything I can from everywhere I can. This is my little blog to keep track of new things medical, paramedical and pre-hospital from a student's perspective.

Prehospital Emergency Medicine Blog

All you want to know about prehospital emergency medicine

Italy Customized Tour Operator in Florence

Italy Food and Wine Vacations

GoogleFOAM

The FOAM Search Engine

EM Lyceum

where everything is up for debate . . .

AmboFOAM

Free Open Access Medical Education for Paramedics

FOAM4GP

Free Open Access Meducation 4 General Practice

Rural Doctors Net

useful resources for rural clinicians

Auckland HEMS

Unofficial site for prehospital care providers of the Auckland HEMS service

ECHOARTE

L'ECOGRAFIA: ENTROPIA DELL'IMMAGINE

MEDEST

Prehospital Emergency Medicine

ruralflyingdoc

Just another WordPress.com site

KI Doc

WE HAVE MOVED - VISIT WWW.KIDOCS.ORG FOR NEW CONTENT

Emergency Live

Prehospital Emergency Medicine

AMP EM

Academic Medicine Pearls in Emergency Medicine from THE Ohio State University Residency Program

Prehospital Emergency Medicine

 Academic Life in Emergency Medicine

Prehospital Emergency Medicine

Comments on: Homepage

Prehospital Emergency Medicine

Greater Sydney Area HEMS

The Pre-hospital & Retrieval Medicine Team of NSW Ambulance

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: